Autorità Portuale di Cagliari

  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size
  • Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)
1.png
Presentazione PDF Stampa E-mail

Il porto di Cagliari è al centro del mar Mediterraneo, posizione che gli vale il ruolo di snodo  commerciale e strategico fondamentale da oltre 2.500 anni.

Fondato infatti dai Fenici, lanciato dai Cartaginesi e fiorito con i Romani, il Porto di Cagliari ha da secoli la capacità distintiva di sapersi sviluppare e migliorare di continuo.

Questa ricchezza di esperienza e tradizione è oggi guidata dall'Autorità Portuale, che ne sviluppa e promuove l'attività puntando su qualità, integrazione e innovazione.

Grazie ai grandi spazi disponibili, all'enorme potenzialità di funzione, alla felice  posizione geografica (a sole 11 miglia dalla linea ideale Gibilterra/Suez) il porto di Cagliari risponde alla domanda dei grandi traffici commerciali rappresentando uno dei poli per l'attività di transhipment del Mediterraneo occidentale, con movimentazione di merci convenzionali, rinfuse, traffici Ro-Ro, merci containerizzate, cui si affiancano poi servizi passeggeri, attività di pesca, turistica, nautica da diporto e crocieristica.

La circoscrizione territoriale amministrata dall'Autorità Portuale di Cagliari si estende per circa 30 km di costa, con una struttura suddivisa in tre aree: il porto storico, il porto canale e il terminal petrolifero. Il porto storico si sviluppa su 5.800 metri di banchina e serve traffico commerciale, Ro-Ro, navi passeggeri, diportismo,  pesca e  crocerismo; quest'ultimo, in particolare, grazie alla cooperazione con le energie locali, sta vivendo un momento di forte sviluppo. Il porto canale si estende attualmente per oltre 1.600 metri in banchine e offre cinque accosti per traffico transhipment e Ro-Ro, mentre, in prospettiva, con il distretto della nautica disporrà di oltre 7.500 metri di banchine. A questi si affiancano gli accosti petrolchimici-petroliferi che ospitano attracchi per diciassette navi.

L'integrazione logistica con l'entroterra è forte: il porto storico è a soli 100 metri dal centro città, è adiacente alla rete viaria, a pochi metri dalla rete ferroviaria e a soli sette chilometri dall'aeroporto.

L'Autorità Portuale è attualmente impegnata in progetti che coniugano esperienza storica e tecnologia moderna per sviluppare i trasporti, i sistemi produttivi e tutto l'insieme di attività economiche legate al porto.

Consapevole del ruolo di motore dell'economia cagliaritana proprio del porto, l'Autorità Portuale hagià stretto accordi importanti con enti, imprese e università volti a definire con chiarezza le linee di sviluppo strategico del ruolo del sistema portuale. Sono in corso studi per definire i target di domanda passeggeri e merci su cui focalizzare le energie, le vie per migliorare l'accesso e sviluppare l'intermodalità, le attività da pianificare per essere più competitivi nell'attrarre e soddisfare le esigenze dei flussi crocieristici.

Su questi temi l'Autorità Portuale sta coordinando il lavoro delle migliori risorse in modo efficiente e incisivo, decisa a capitalizzare l'interesse manifestato dall'Unione Europea verso i paesi che insistono sul bacino del Mediterraneo e a disegnare piani di sviluppo che perseguano in modo coerente e fattivo progetti di crescita della qualità e di miglioramento del rapporto costo-benefici per le varie utenze.