Autorità Portuale di Cagliari

  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size
  • Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)
1.png
Unione Sarda - 28 agosto 2016 - La Rinascita della Quarta Regia

La rinascita della Quarta Regia

LA SCAFA. Il progetto di recupero da 260 mila euro voluto dalla Conservatoria delle Coste


La piccola loggia realizzata davanti all'ingresso dell'edificio è stata eliminata. Almeno per ora. Via la tettoia di eternit, via le colonne e le pareti di mattoni. Per capire se la Torre della Scafa dovrà farne a meno, si dovrà attendere ancora la scelta finale dei progettisti. Domanda d'obbligo: è, la loggia, parte integrante del monumento (documentazione fotografica dei primi del Novecento la contempla) o nonostante tutto dovrà essere considerata un'aggiunta architettonica da non conservare?

L'OPERA Di certo ciò che sta venendo fuori dall'importante e delicato progetto di messa in sicurezza della Quarta Regia è la costruzione originale che dovrà necessariamente essere rafforzata con interventi mirati. I lavori, cominciati in primavera, sono a buon punto: dovranno concludersi alla fine di settembre inizi di ottobre, quando la vecchia torre affacciata sul canale d'ingresso della laguna di Santa Gilla sarà definitivamente resa sicura e preservata dal rischio di crolli che incombeva prepotentemente in questi ultimi anni.

I FONDI A salvarla sono stati i 260 mila euro stanziati dalla Regione e affidati alla Conservatoria delle Coste e un piano di messa in sicurezza firmato dall'architetto Francesco Deplano.

Ben altro servirà però per la sua valorizzazione e magari per un riutilizzo non certo legato al suo ruolo storico di centro di sfruttamento del proletariato del mare e dello stagno. È qui infatti che i pescatori portavano fino agli anni Cinquanta la quarta parte del loro pescato.

IL CONSORSO L'agenzia regionale, che fa capo all'assessorato all'Ambiente, proprio per la valorizzazione della Torre della Scafa e dell'area intorno aveva bandito un concorso di idee. Lo vinsero due studenti della facoltà di Architettura del Politecnico di Milano, Anna Valtorta e Lorenzo Masotto. Nel futuro della Quarta Regia potrebbe esserci anche un vero e proprio programma slow-food legato naturalmente ai prodotti della laguna su cui, tra l'altro, il Comune, la Regione e il Consorzio Ittico vogliono puntare con decisione per rilanciare l'attività di pesca ma anche valorizzare i prodotti dello stagno.

SA PEDIXEDDA Intanto è l'Autorità portuale ad aver preso di petto il piano di rinascita di questo tratto di costa cagliaritana, cancellando vecchi edifici nell'area di Sa Perdixedda, bonificandola dall'amianto e operando per la costruzione del nuovo porto peschereccio in via di costruzione dietro il mercato ittico all'ingrosso di viale La Plaia. È qui che saranno anche innalzati prefabbricati per la vendita diretta dei prodotti (freschi ma anche trasformati) dei prodotti della piccola pesca costiera artigianale.

Andrea Piras

 



Mail e apertura al pubblico

mail: info@porto.cagliari.it

pec: info@pec.porto.cagliari.it

LUN

10.00 - 12.00

MAR 10.00 - 12.00 -15.30 - 16.30
MER 10.00 - 12.00
GIO 10.00 - 12.00 -15.30 - 16.30
VEN 10.00 - 12.00

Chi è online

 67 visitatori online